Newsletter

Museo Salvatore Ferragamo




Salvatore Ferragamo: Ispirazioni e Visioni

S

alvatore Ferragamo: Ispirazioni e Visioni.

Quale è la fonte di ispirazione di un artista? Come viene elaborata? Queste le domande alla base della mostra. Nel caso di Salvatore Ferragamo, due sono i momenti della sua vita in cui si sono verificate le condizioni favorevoli per le elaborazioni di ispirazioni e di visioni che avrebbero influenzato il suo futuro. In prima istanza è l’arrivo in California alla metà degli anni dieci, dove si afferma come ‘calzolaio delle dive’.

Qui trova una fucina di sperimentazioni alimentate tra le altre dalla scoperta del tesoro funerario del faraone Tutankhamon nel 1922, che nel cinema rivela l’alto potenziale creativo, messo a frutto da Ferragamo nei sandali che il grande regista Cecil B. DeMille gli commissiona per gli attori del film I dieci comandamenti. L\'altro momento fondamentale è il suo rientro a Firenze nel 1927, una città negli anni venti al centro della vita culturale del paese. A Firenze Ferragamo rimane colpito dalla bellezza dei monumenti e dalle fantasiose collezioni pubbliche e private di arte applicata, come quella di Frederick Stibbert, del Museo Archeologico, Antropologico e di Storia Naturale. Oltre a questi stimoli, Ferragamo subisce il fascino dell’arte di avanguardia di quegli anni, il Futurismo, ma anche Thayaht, Sonia Delaunay, Duchamp, Giò Ponti.

In mostra 255 opere, di cui 99 modelli di calzature dagli anni Venti alla fine del 1950, e 156 opere d’arte provenienti da collezioni internazionali ma soprattutto italiane e fiorentine.




Salvatore Ferragamo Spa 
Via Tornabuoni, 2 50123 Firenze - tel. 055 3360 456/455 - fax 055 3360 475 - e-mail museoferragamo@ferragamo.com 
Capitale Sociale: EURO 16.841.000,00 int.versato 
CCIAA Firenze- REA 464724 - Cod.Fisc.,Part.IVA. e Iscriz. Registro Imprese di Firenze n.02175200480