Newsletter

CIPE: Piani FSC su Sviluppo economico, Infrastrutture, Ambiente e Agricoltura

Nella seduta del 1 dicembre 2016 il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE) ha approvato i seguenti Piani operativi.

I piani Operativi sono stati presentati dai Ministeri dello Sviluppo Economico, delle Infrastrutture e Trasporti, delle Politiche Agricole e dell’Ambiente, secondo quanto previsto dalla delibera di riparto del Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) n. 25/2016 che aveva individuato le aree tematiche di interventi del medesimo FSC:
- Piano operativo per lo sviluppo economico: 1,4 miliardi di euro;
- Piano operativo per le infrastrutture: 11,5 miliardi di euro;
- Piano operativo per l’ambiente: 1,9 miliardi di euro;
- Piano operativo per le politiche agricole: 400 milioni di euro
CIPE: Piani FSC su Sviluppo economico, Infrastrutture, Ambiente e Agricoltura

 

Il Piano Operativo è articolato per assi tematici e linee di azione, e si articolano in piani di settore e singoli interventi.

La somma è così ripartita: Interventi stradali per 5,331 miliardi, interventi nel settore ferroviario per 2,056 miliardi, messa in sicurezza del patrimonio infrastrutturale esistente per 1,315 miliardi, interventi per il trasporto urbano e piano metropolitane per 1,218 miliardi, rinnovo materiale trasporto pubblico locale e piano nazionale sicurezza ferroviaria per 1,3 miliardi di cui 300 milioni per il piano sicurezza delle ferrovie concesse, infine altri interventi per 280milioni.

Le opere finanziate sono state individuate a valle di un percorso di confronto e condivisione con le Regioni e con i Concessionari delle reti di infrastrutture stradali e ferroviarie.

Messa in sicurezza di infrastrutture e dighe

Oltre a un sostanzioso piano di completamento di opere pubbliche stradali e ferroviarie, nel dettaglio il Piano Operativo prevede una importante risposta alle esigenze di messa in sicurezza del patrimonio infrastrutturale, con interventi di manutenzione straordinaria e di ripristino delle essenziali condizioni di sicurezza ormai non più procrastinabili. La somma per la messa in sicurezza del patrimonio esistente, 1,315 miliardi, prevede per interventi stradali 1,021 miliardi.

Un altro settore che necessita di interventi urgenti non rinviabili in merito soprattutto alle condizioni di sicurezza è quello delle dighe, che interagiscono con il territorio in modo molto rilevante, sia dal punto di vista idraulico che ambientale: il tema viene approvato per la prima volta dopo molti anni stanziando 294milioni per 101 interventi con il Piano nazionale dighe.

Sicurezza e mobilità sostenibile

Il Piano, inoltre, contiene importanti interventi per la mobilità sostenibile, in particolare il Piano Metropolitane e la strategia nazionale per il rinnovo del materiale rotabile per il trasporto pubblico locale, configurandosi come Piano nazionale con riferimento sia al settore del materiale rotabile su ferro che per quanto riguarda il materiale rotabile su gomma

Per la sicurezza ferroviaria e rinnovo del parco mezzi Tpl, la somma di 1,3 miliardiè stata destinata con 800 milioni destinati a interventi tecnologici e rinnovo mezzi ferroviari, e 200 milioni per il rinnovo del parco autobus. Diventa operativo anche il Piano nazionale per la sicurezza ferroviaria per intervenire sulle linee regionali interconnesse con il miglioramento dei dispositivi di segnalamento, con risorse per 300 milioni.

Il primo Piano Metropolitane

Per quanto riguarda la mobilità sostenibile, il Piano Operativo Fsc contiene anche il Piano Metropolitane, che risponde alla domanda di trasporto pubblico nelle città, e prevede per le metropolitane e il trasporto rapido di massa azioni di completamento di linee avviate e nuovi itinerari, miglioramento dei servizi e dei mezzi. La somma di 1,218 miliardi prevede 21 interventi, dal Piemonte alle Isole.

L’impostazione strategica del Piano operativo e la scelta degli obiettivi sono coerenti con “Connettere l’Italia”, Documento strategie per le infrastrutture di trasporto e logistica approvato con il DEF 2016 e in particolare, per le regioni meridionali, con il Programma Operativo Nazionale “Infrastrutture e Reti” 2014-2020 e con i “Patti per il Sud” sottoscritti dal Governo con Presidenti di Regione e Sindaci.

Il Piano sostiene ed integra interventi inseriti nei diversi strumenti di programmazione a titolarità del Ministero: Contratti di Programma per le modalità stradale e ferroviaria, PON Infrastrutture e Reti, Piani e Programmi di settore.

Esito

 

Comunicato stampa

 

Approfondimenti Agricoltura

 

Approfondimenti Infrastrutture

 

Approfondimenti Sviluppo Economico