Newsletter

Il presidente dell'ANCI Fassino sulla Legge di stabilità

Pronti a discutere proposte con il Governo

“Abbiamo le nostre proposte sappiamo che tutti devono fare la propria parte per tirare fuori l'Italia dalla crisi, la vogliamo fare ma vogliamo essere messi nelle condizioni per poterlo fare bene e compatibilmente con i doveri che abbiamo verso i nostri cittadini”. Lo ha detto il sindaco di Torino e presidente dell'Anci, Piero Fassino, in merito alla Legge di Stabilità. Parlando a margine del Meeting informale dei ministri dello Sport europei, riuniti oggi e domani a Roma, il presidente dell’Anci ha ribadito come “l'ispirazione generale della legge è condivisa dai sindaci” e “punta a ridurre il prelievo fiscale su imprese e lavoro e a liberare risorse per rilanciare gli investimenti, creare lavoro e rimettere in moto economia, poi su come è distribuito il carico di questa manovra c'è da discutere. A tutti si chiede uno sforzo, noi abbiamo chiesto un incontro al Governo per discutere dello sforzo chiesto a noi”.
Fassino ha poi sottolineato che “ci sono cose che siamo in grado di sostenere e cose che vanno corrette perché così non sono sostenibili”. “Due cose noi non vogliamo fare - ha spiegato -: non vogliamo né ridurre i servizi ai cittadini né aumentare su scala locale il prelievo fiscale. Dentro questi due vincoli che per noi sono invalicabili siamo pronti a discutere con il Governo tutto ciò che è utile e funzionale”. (com/ef)