Newsletter

"Impegni Governo su Local Tax non posso essere ancora disattesi"

Filippeschi sulla Legge di stabilità

 
“Le province rischiano il dissesto generalizzato e i comuni una situazione insostenibile. Gli impegni presi dal Governo e dalla sua maggioranza con l’approvazione della legge Delrio e nell’assemblea nazionale dell’Anci, dove si garantiva l’introduzione della Local Tax in autonomia fiscale, non possono essere ancora disattesi. Il tempo sta per scadere. Fino a che c’è tempo chiediamo un’assunzione di responsabilità. Questi tagli ai comuni, alle nuove province e alle città metropolitane non possono essere considerati il pilastro sul quale si regge la legge di stabilità. Non è giusto e i patti non erano questi”. Così il sindaco di Pisa Marco Filippeschi, presidente nazionale di Legautonomie, commenta l’iter della legge di stabilità in corso al Senato.
Legge di stabilità, Filippeschi:

“Si deve ascoltare l’allarme che viene dai territori – aggiunge Filippeschi – da chi ha già gestito pesanti sacrifici come hanno fatto i sindaci. Se colpendo le province si taglieranno le risorse per gestire servizi e investimenti irrinunciabili, quali quelli per le scuole secondarie superiori e quelli per la viabilità, per la sicurezza delle strade, si strapperà il rapporto d’intere comunità con le istituzioni che le rappresentano. Se si bloccheranno i servizi per l’impiego, si aggraverà una situazione di crisi occupazionale che impone presenza. I dissesti, inoltre, come si sa, aggraverebbero la spesa”.

 

“Se il personale delle province non avrà garanzie per lo stipendio e il posto di lavoro, essendo gli esuberi fissati senza relazione con il trasferimento delle funzioni alle regioni – precisa il presidente di Legautonomie – avremo presto drammatizzazioni e i sindaci che si sono messi a disposizione, gratuitamente, per attuare con rigore la legge Delrio non avranno risposte da dare, né vorranno fare da commissari liquidatori. Vivremo drammatizzazioni contagiose per tutto il pubblico impiego. Tutto ciò va evitato. Per questo facciamo appello al governo e a tutti i gruppi parlamentari”.